California - 2010/2011/2013

20.06.2014 15:36

Mettiamolo subito in chiaro: abbiamo una carissima amica italo-americana che vive e lavora a Los Angels che quindi può ospitarci. E in più hanno una casa di famiglia vicino San Francisco… Anche per questa ragione siamo stati in California 3 volte negli ultimi 4 anni (senza contare le volte precedenti da soli).

La California per noi vuol dire tante cose, dal cielo blu al sole caldo, dall’Oceano Pacifico con le sue vedute spettacolari fino alle meravigliose montagne della Sierra Nevada, dai maestosi Parchi Naturali come Yosemite o la Death Valley alle sue belle città come San Francisco o San Diego.

E poi qui la vita è molto più cool rispetto alla East-coast: il caldo e il sole incidono sul modo di vivere da queste parti. Poco stress, cibo sano e vita all’aria aperta. Certo non è tutto oro ciò che luccica e anche qui ci sono problemi di lavoro, i barboni e ricordatevi che comunque siete negli States, dove i sogni possono diventare realtà ma spesso si trasformano in incubo.

Per i nostri viaggi verso Los Angeles abbiamo optato una volta per American Airlines e due volte con l’accoppiata Alitalia/Air France. Sappiate che sono 2 stili completamente diversi di viaggi secondo la compagnia. E che il volo dura circa 12 ore, quindi se riuscite a trovare prezzi interessanti con i voli diretti ne vale sicuramente la pena per non prolungare oltre.

 

Big Sur

American Airlines propone aerei con pochi comfort: gli schermi dove proiettano i film sono comuni, non avete consolle di giochi e niente musica personalizzata, tuttavia il personale è molto gentile e presente. E non fanno altro che proporvi cose da mangiare.

Air France propone aerei molto più moderni (noi abbiamo fatto un volo anche su un Airbus A380) con più comfort, infatti ognuno ha il suo schermo, con la possibiltà di scegliere cosa vedere, giocare o ascoltare. Però il personale è più freddo e soprattutto durante il volo praticamente inesistente, salvo i 2 servizi che fanno dopo il decollo e prima dell’atterraggio.

Alitalia è un buon compromesso tra le due. Ha aerei che propongono gli stessi comfort di Air France e il personale è più gentile e presente (ma gli Americani su questo restano insuperabili).

Chiaramente cercando su Internet troverete molte più compagnie che volano su Los Angeles o San Francisco, in linea di massima gli standard sono gli stessi di American Airlines per le compagnie americane e di Alitalia per quelle europee.

 

Cable Cars San Francisco

Prima della partenza ricordatevi di avere un passaporto valido (che non scada nel giro di 6 mesi) e di fare l’ESTA (una sorta di visto elettronico a pagamento valido 2 anni) almeno 72 ore prima del decollo.

Al momento del check-in e dell’imbarco vi chiederanno il passaporto e quando arriverete a destinazione attraversare la frontiera richiederà un po’ di pazienza (come ovunque negli Stati Uniti): infatti vi dovrete mettere in fila con tutti gli altri passeggeri nella parte riservata ai cittadini non statunitensi. Quando sarà il vostro momento vi prenderanno le impronte digitali delle 10 dita delle mani con uno scanner e la vostra fotografia. Controlleranno i documenti, vi chiederanno dove alloggiate e possono chiedervi l’ESTA e di mostrare il biglietto di ritorno. Una volta fatto tutto ciò vi metteranno un timbro sul passaporto. E non è finita perché una volta recuperati i bagagli dovrete mettervi in fila per mostrare un formulario che avrete riempito in precedenza sull’aereo in cui assicurate che non portate cibi freschi, semi, droga e così via. Sappiate che se vogliono potranno chiedervi di aprire le vostre valigie per un’ispezione!

Come sempre per quanto riguarda le guide la scelta non è facile, noi oramai viaggiamo sempre con almeno un paio di guide, nel caso della California abbiamo la Guida Verde Michelin (ottima per i percorsi e le spiegazioni dei luoghi e dei monumenti), la Routard (ottima per la scelta dei ristoranti e degli hotel) e la Lonely Planet (un buon condensato delle due, ma sempre leggermente al di sotto di entrambe).

 

Los Angeles - Hollywood

Sappiate che affittare una macchina negli Stati Uniti costa molto meno che in Europa. Noi per esempio per 9 giorni abbiamo speso 300€ assicurazioni e chilometraggio illimitato inclusi con ALAMO, ma quasi tutte le compagnie di noleggio sono interessanti. La macchina sarà necessaria se avete intenzione di fare un circuito o anche se decidete di restare solo a Los Angeles, in quanto muoversi senza macchina con i mezzi pubblici qui è quasi impossibile. Sconsigliatissima invece se decidete di restare solo a San Francisco, qui tutto è più piccolo e fatto per muoversi a piedi o con i mezzi pubblici (e impazzirete con i loro sensi unici e divieti di svolta a sinistra!).

Per il resto guidare sulle strade americane al di fuori delle città è molto facile: spesso sono strade larghe e dritte. Attenzione a rispettare i limiti di velocità perché sono molto intransigenti. E ricordatevi che praticamente tutte le macchine hanno il cambio automatico, ma dopo i primi 5 minuti di smarrimento tutto filerà liscio. Sappiate che i semafori sono dall’altra parte dell’incrocio e che di solito si può svoltare a destra anche con il semaforo rosso dando la precedenza alle macchine che arrivano (altrimenti il divieto sarà segnalato). Ultima curiosità: la linea di divisione delle carreggiate è gialla (sono bianche quelle sui lati delle strade).

Il clima del sud della California (da Santa Barbara a San Diego) è molto caldo, anche in inverno difficilmente si scende sotto i 20 gradi e in estate si superano facilmente i 35 gradi (ma per fortuna secchi). La zona intorno a San Francisco è invece più fresca, anche se le temperature difficilmente scendono sotto i 10 gradi in inverno. All’interno si passa da zone desertiche come la Death Valley, il Joshua Tree Park o il deserto Mojave alla montagna con il suo clima come a Yosemite o al Sequoia National Park. Tenetevene conto quando preparate le vostre valigie a seconda della zona che volete visitare.

Visto che ci siamo approfittiamone anche per dirvi che finché il cambio con il dollaro sarà interessante vi consigliamo di lasciare un po’ di spazio nelle vostre valigie: troverete tantissime occasioni per riempirle di vestiti di marca (soprattutto americane) che costano almeno la metà di quanto paghereste in Europa! Per esempio i jeans Levi’s li abbiamo pagati 30-35€ secondo il modello (e non necessariamente in un outlet).

 

Balboa Park - San Diego

Purtroppo non possiamo darvi suggerimenti dove dormire a Los Angeles in quanto ospitati dalla nostra amica, però sappiate che Los Angeles è veramente immensa quindi qualunque zona sceglierete sarete lontani da altre zone interessanti (da qui la necessità di avere la macchina perché i mezzi pubblici sono praticamente inesistenti). Noi vi consigliamo Santa Monica vicino alla spiaggia perché molto bella, ma rischierete di restare imbottigliati nel traffico quando vorrete muovervi. La zona centrale è Downtown, ma non ci sono molte cose da vedere. Altrimenti la zona di Hollywood potrebbe essere interessante e abbastanza centrale.

Per quanto riguarda San Francisco invece possiamo consigliarvi l’hotel Abri vicinissimo a Union Square, quindi veramente in pieno centro della città e a due passi dal capolinea dei mitici Cable Cars. Chiedete però una camera all’interno (sicuramente più tranquilla!).

Difficile fare una lista completa delle cose da vedere in California, in quanto sono veramente tantissime e meriterebbe da sola un viaggio di parecchie settimane. Per quanto riguarda le città bisgna vedere senza ombra di dubbio San Francisco e San Diego con le rispettive baie (sono le città che più amiamo da queste parti). A San Francisco da non mancare i 2 ponti (il Golden Gate e il Bay Bridge), fate un giro sui Cable Car, spettacolare è il Financial District con i suoi grattacieli (soprattutto la Transamerica Pyramid), il porto con le sue foche, il bellissimo parco del Golden Gate e le case vittoriane (imperdibili le Painted Ladies). E andate a gustarvi la cioccolata in tutte le sue forme da Ghirardelli! A San Diego assolutamente da non mancare sono il bellissimo quartiere di Gaslamp appena restaurato, la splendida passeggiata sul porto (Seaport Village), il parco Balboa sulle alture immerso nel verde con molti musei e se avete voglia di scoprire com'era San Diego agli albori visitate la Old Town.

Ma a noi piace anche la città-non città di Los Angeles con tutte le città limitrofe che ne fanno un’agglomerazione infinita, quindi sono da visitare anche Santa Monica, Malibu, Long Beach, Venice, Pasadena e chiaramente Hollywood (senza dimenticare Beverly Hills). E poi offre anche due parchi a tema da non perdere: il Disneyland originale e gli Universal Studios. 

Ma bisogna fermarsi anche a Berkley, Sausalito, Monterey, Carmel by the Sea, Santa Barbara e perché no Palm Springs.

 

Sequoia NP

Dovrete assolutamente percorrere la Pacific Highway 1, una delle strade panoramiche più belle degli Stati Uniti (e forse del mondo) da San Francisco a Santa Barbara passando per il bellissimo Big Sur, rifugio della beat generation.

E veniamo ai Parchi Nazionali, qui in California noi ne abbiamo visitati 4: Yosemite, Death Valley, Sequoia e Joshua Tree. Sono tutti e 4 spettacolari a modo loro! Yosemite e la Death Valley li abbiamo visitati facendo un circuito nel Sud-ovest degli Stati Uniti che comprendeva anche l’Arizona, lo Utah e il Nevada. Al Sequoia siamo invece andati un week-end da Los Angeles dormendo al Wuksachi Lodge nel parco stesso. Al Joshua Tree siamo andati e tornati in giornata direttamente da Los Angeles.

Sappiate comunque che l’accesso ai Parchi Nazionali si paga: di solito il prezzo è giornaliero (per macchina) intorno a 20$ a parco, ma varia da parco a parco. Tuttavia se pensate di visitarne almeno 4 durante le vostre vacanze vi consigliamo di acquistare l’Annual Pass che costa 80$. La carta potete comprarla direttamente sul posto al primo parco che visiterete al Visitor Center, in seguito basta mostrarla all’ingresso di ogni parco con un documento (infatti è nominativa e bisogna firmarla).

Se avete tempo visitate anche Lake Tahoe e il Mono Lake. Il primo con un’acqua cristallina immerso nelle montagne. Il secondo invece è costituito da formazioni rocciose frutto delle antiche eruzioni del vulcano spento che lo ospita.

Insomma come avete capito la California vi può offrire numerosissimi spunti per le vostre vacanze e noi siamo sicuri che comunque non ne rimarrete delusi!

Yosemite NP

 

 

Twitter© 

I viaggi di Misha  

@Viaggi_di_Misha

Instagram© 

IviaggidiMisha

Contatti

i viaggi di misha iviaggidimisha@gmail.com